venerdì 12 giugno 2009

NO ALLO SFRUTTAMENTO DEL LAVORO MINORILE


Il dramma dei minori sfruttati non riguarda solo i Paesi in via di sviluppo. In Italia, secondo l'Istat, lavorano 144.000 bambini tra i 7 e i 14 anni e di questi 31.500 sono veri e propri casi di sfruttamento. Ma secondo la Cgil i casi sono 400mila. La Giornata mondiale è un'occasione per chiedere nuove politiche, con particolare urgenza nei confronti delle peggiori forme di sfruttamento: schiavitù, prostituzione o pedopornografia, sfruttamento legato a debiti o attività illecite, attività nocive alla salute fisica, psicologica o allo sviluppo morale dei bambini.(fonte:corriere.it)

Info: www.cesvi.org

7 commenti:

Saamaya ha detto...

Un pensiero a tutti i bimbi che avrebbero diritto al gioco e ad un futuro di pace e serenità.

Panty ha detto...

Le nuove politiche sono appena arrivate e,cosa vergognosa,con 20 voti a favore dell'opposizione.
Vedrai che con il bavaglio a magistratura e stampa di bambini sfruttati non ne sentiremo più parlare.
Il popolino non deve avere crisi di coscienza.

ilpoeta ha detto...

@Saamaya: mi associo al tuo pensiero...

@Panty: hai ragione...

la signora in rosso ha detto...

Ogni bambino dovrebbe essere amato e difeso... invece sono troppi i bimbi sfruttati o maltrattati.

ilpoeta ha detto...

@Signora in rosso: con guadagni da capogiro per la criminalità organizzata...

tina948 ha detto...

Poeta, guadagni da capogiro anche per le SpA che producono scarpe e vestiario sportivo (Nike), Panty, il popolino non avra' mai crisi di coscienza, non ha coscienza, nessuno piu' capisce che i bambini sono il futuro, stanno distruggendo la terra e macellando il futuro. Mer....
Tina

ilpoeta ha detto...

Hai ragione Tina, buon fine settimana...

ACQUISTA LA MIA RACCOLTA DI POESIE "LA PAZZIA DELLE FOLLE" CON IL 30% DI SCONTO

DOMENICA 27 FEBBRAIO: LASCIO L'AUTO A PIEDI


'Create

ASCOLTA

ASCOLTA

ARRESTATECI TUTTI

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

ATTENZIONE

  1.  Adsense utilizzerà dal 9 Aprile 2009 il cookie Double Click DART che si installerà nel browser dell’utente e i dati raccolti verranno usati per ottimizzare gli annunci
  2. Gli utenti e i navigatori possono decidere di non utilizzare questo cookie andando in questa pagina e scegliendo Disabilita o Opt out (alcune volte la pagina si vede in inglese altre in italiano)
  3. Per gli annunci Adsense comunica che utilizza aziende pubblicitarie indipendenti e che i dati raccolti non includono mai nomeindirizzoindirizzo email numero di telefono.