venerdì 20 giugno 2008

VELTRONI: "IN PIAZZA IN AUTUNNO". PERCHE' PRIMA COSA DEVI FARE...

«In autunno una grande manifestazione nazionale». Il segretario del Pd Walter Veltroni, nel suo discorso d'apertura all'assemblea costituente del Partito democratico che si tiene alla fiera di Roma, inizia criticando duramente la norma «salvapremier» approvata dal Senato all'interno del decreto sulla sicurezza. È una norma che «stravolge il senso del provvedimento» e tra l'altro «colpisce il ruolo di garanzia del Capo dello Stato».

«Ci ha preoccupato e indignato ma non sorpreso lo strappo consumato sulla sicurezza. È stata un'occasione perduta, forse definitivamente» ha aggiunto Veltroni parlando sui rapporti con la maggioranza e lo «strappo» di Berlusconi sulla cosiddetta norma salva-premier.

«Siamo preoccupati per l'Italia - ha sottolineato Veltroni - che rischia di perdere una nuova occasione per darsi un sistema politico maturo». «Siamo preoccupati, ma non sorpresi. In tutti questi mesi il Partito democratico ha cercato di portare l'Italia fuori dal passato», proseguito Veltroni aggiungendo: «La nostra non era solo una mano tesa, era anche un guanto di sfida». Ma il centrodestra non ha saputo cogliere l'occasione ma questo, «proprio l'inadeguatezza del centrodestra apre davanti a noi una grande opportunitá. È proprio adesso che i nostri avversari hanno messo in mostra, ancora una volta, i loro limiti radicali, che noi non dobbiamo ricadere in antichi vizi e ripetere vecchi errori: se lo facessimo, ci giocheremmo la possibilitá di diventare maggioranza nel paese».

«Non ci siamo, onorevole Berlusconi. Oggi siamo noi a dirlo, in autunno sarà una larga parte degli italiani che noi chiameremo a raccolta per un'azione di protesta e di proposta in tutto il Paese e culminerà con una grande manifestazione nazionale» ha detto ancora il leader del Pd.

«Oggi la destra ha smesso di innovare. Sembra scommettere piuttosto sulla paura che i grandi cambiamenti in atto stanno suscitando in tutti i settori sociali. E sembra voler promettere più protezione che innovazione. In una parola, la destra, ha concluso la fase di innovazione e venticinque anni dopo, è tornata conservatrice» ha aggiunto Veltroni.

Poi Veltroni ha affrontato il nodo della collocazione europea del partito: «La nostra è un'identità nuova in Europa e come tale è un'identità che è e resterà autonoma. Ma autonomia non significa solitudine e tanto meno può significare dividersi tra di noi in gruppi diversi che richiamino le vecchie provenienze». «Noi stiamo costruendo una soluzione - ha affermato Veltroni - che consenta al nostro partito di armonizzare la sua autonomia e identità senza che questo significhi isolamento in Europa. Stiamo costruendo relazioni strette con il Pse, con i liberal democratici europei, con i democratici americani. Per favorire il formarsi di un grande campo dei riformisti dei democratici e dei progressisti sia in Europa che nel mondo». Per quanto riguarda il Parlamento di Strasburgo, ha aggiunto Veltroni, «sarà un fatto nuovo se i socialisti come è da auspicare favoriranno la nascita di un nuovo gruppo aperto a forze che non facciano parte del Pse».

Bisogna mescolare le culture diverse del Pd senza riprodurre «le vecchie correnti dei vecchi partiti» e senza «che proliferino le correnti personali» ha detto ancora illeader del Pd. «Siamo un grande partito, aperto e plurale - ha sostenuto Veltroni - dobbiamo quindi imparare a considerare una ricchezza l'inevitabile articolazione interna, farne una risorsa per il partito, sul piano delle idee, delle proposte, delle risorse umane». «Perchè ciò accada - ha proseguito il leader del Pd - è importante promuovere la mescolanza tra le culture, le ispirazioni, le provenienze. E comunque questo è il mio sforzo». In ogni caso, ha aggiunto, «quel che non può accaderere è che proliferino le correnti personali mentre il partito deperisce».

Poi Veltroni ha aperto verso l'Udc: «Voglio qui rassicurare Pierferdinando Casini: noi riconosciamo il ruolo dell'Udc e abbiamo apprezzato il coraggio col quale ha saputo difendere la sua autonomia, anche se questa si sarebbe certo dispiegata con più successo se non si fosse aspettato l'ultimo momento e la decisione di Berlusconi di porre fine alla Casa della libertà».

(DA CORRIERE.IT)


Caro Walter, mi dispiace ma non vedo un'opposizione dura ma solo un ritorno al passato. Dopo le ultime decisioni del governo (limite alle intercettazioni, norma blocca-processi), mi aspettavo qualcosa di più.
L'opposizione va fatta in Parlamento e non nelle piazze.
La manifestazione di settembre mi sembra inutile, perchè allora non farla ora?
Forse perchè adesso devi guardare gli europei in tv?
Oppure devi andare al mare?
Se si continua così Berlusconi governerà ancora per anni e anni.

1 commento:

freesud ha detto...

Il suo snobbismo politico ed il suo vomitevole buonismo dialogante hanno distrutto il centro-sinistra italiano e consegnato il paese alla dittatura. Il Pd azzeri immediatamente i vertici e trovi un leader in grado di difendere la democrazia.

www.riberaonline.blogspot.com

ACQUISTA LA MIA RACCOLTA DI POESIE "LA PAZZIA DELLE FOLLE" CON IL 30% DI SCONTO

DOMENICA 27 FEBBRAIO: LASCIO L'AUTO A PIEDI


'Create

ASCOLTA

ASCOLTA

ARRESTATECI TUTTI

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

ATTENZIONE

  1.  Adsense utilizzerà dal 9 Aprile 2009 il cookie Double Click DART che si installerà nel browser dell’utente e i dati raccolti verranno usati per ottimizzare gli annunci
  2. Gli utenti e i navigatori possono decidere di non utilizzare questo cookie andando in questa pagina e scegliendo Disabilita o Opt out (alcune volte la pagina si vede in inglese altre in italiano)
  3. Per gli annunci Adsense comunica che utilizza aziende pubblicitarie indipendenti e che i dati raccolti non includono mai nomeindirizzoindirizzo email numero di telefono.